E-bike & Trekking

guide e prezzi
video

E-bike

Il periodo migliore per scoprire la Maremma in bici è in primavera e in autunno quando le giornate sono abbastanza calde e soleggiate da rendere piacevole pedalare nella natura. In estate invece approfitteremo delle lunghe giornate di sole per organizzare i tour al mattino o nel pomeriggio evitando le calde ore centrali.

Ti accompagneremo in sella alla bici tra sentieri immersi nel verde della macchia mediterranea della Maremma o direttamente in riva al mare. Un modo di scoprire il nostro splendido territorio assaporando il tutto da una nuova prospettiva, godendo di panorami unici, colori e sapori della natura circostante. La Maremma Toscana offre scenari e itinerari adatti a tutti i livelli di preparazione, dal ciclista amatoriale al più esperto.

Nel nostro bike corner potrai noleggiare l’e-bike più adatta a te e scegliere tra le numerose proposte di tour con la guida di professionisti.

Partendo da Castiglione della Pescaia pedaleremo attraverso i sentieri delle campagne circostanti, tra campi di ulivi e campi di girasoli in un’atmosfera rilassante e senza tempo … un’esperienza indimenticabile da vivere con amici, in coppia o con tutta la famiglia.

Visiteremo scenari unici e panorami mozzafiato, dalla Riserva Naturale della Diaccia Botrona al Parco della Maremma, dalle rovine dell’Eremo di San Guglielmo ai borghi medioevali fino a Cala Violina, una spiaggia dalla bellezza selvaggia e dal mare cristallino dove potrai rilassarti e, perché no, fare anche un bagno prima di ripartire con la tua bici.

Alcuni dei percorsi ci porteranno tra i vigneti della Maremma e ne approfitteremo per fare una tappa in una delle suggestive cantine della zona; il tour breve ci porterà alla più vicina azienda vitivinicola “Le Mortelle”, invece con il tour di una giornata intera, per chi ama pedalare più a lungo, arriveremo fino a Rocca di Montemassi o Rocca di Frassinello. Cosa c’è di meglio di una buona degustazione di prodotti tipici e un calice di vino, magari al tramonto?

E se hai già la tua bici o preferisci fare il tour in autonomia, non c’è problema! Siamo pronti a darti le mappe e le tracce gps dei sentieri e consigli riguardo agli itinerari della zona, per indicarti il tour che fa per te!

Ogni escursione ti permetterà di vivere davvero a pieno questo splendido territorio all’insegna di sport, divertimento e natura!

Trekking

Trekking: anello Puntone di Scarlino - Cala Violina.

Il trekking inizia partendo da loc. Puntone di Scarlino c/o parcheggio Cala Felice Beach Club. Percorrendo un ampio sentiero, immersi nella macchia mediterranea, si sale dolcemente fino a raggiungere prima Poggio La Guardia (215 mslm) e poco dopo il Poggio Sentinella (216 mslm), con ampi scorci panoramici sul litorale e le isole dell’arcipelago toscano. Da qui il sentiero inizia a scendere fino a Torre Civette (55 mslm) nei pressi della foce dell’Alma e quindi si immette sulla vecchia via dei cavalleggeri che percorreva tutto il litorale da nord a sud del Granducato di Toscana che ci porterà a Cala Civetta, Cala Violina e Cala Martina, per poi terminare l’escursione. L'aspetto più interessante di questo itinerario è costituito dai panorami mozzafiato che possiamo ammirare ogni volta che il bosco e la macchia mediterranea che ombreggiano buona parte del sentiero si aprono. Lunghezza km. 13 circa - disl. 300 mt. - diff. media.

Gli Etruschi di Vetulonia: la città, la necropoli, il porto, il museo.

Il trekking inizia della piazza del paese di fronte al museo archeologico. Vetulonia è una delle 12 città stato più importanti dell’Etruria, che formavano la così detta Dodecapoli, una potente alleanza di carattere economico, militare e religioso. Vetulonia vide il suo massimo splendore e ricchezza intorno al IIV sec. a.C., si pensa che vi abitassero 25.000 persone e il suo benessere si basava sui bacini minerari del territorio. Possiamo ancora vedere, i resti delle case etrusco-romane, i resti della cinta muraria e tratti del basolato delle strade delle zone archeologiche Costa dei Lippi e Costa Murata. Di notevole importanza è la necropoli con il suo esteso sistema di tombe a pozzetto, a camera, a fossa, a cumulo e circolari, come la tomba della Fibula d’Oro, tomba del Diavolino 2, la tomba della Pietrera e la tomba del Belvedere. Infine non può mancare la visita al Museo Civico Archeologico Isidoro Falchi. Lunghezza percorso km. 12 circa – disl. 300 mt. – diff. media.